Prima fase di test

Durante i mesi di febbraio, marzo ed aprile si sono svolti i primi test sperimentali previsti nell’ambito del progetto BrennerLEC. Questi test sono stati organizzati principalmente con l’intento di verificare il corretto funzionamento degli apparati installati in corrispondenza dei tratti di test, sia per quello che riguarda la segnaletica all’utenza che per quello che riguarda i sistemi di monitoraggio automatico del traffico e dell’inquinamento.

La prima sperimentazione riguarda il tratto Trento Sud – Rovereto Sud in carreggiata sud, ed è stata svolta in alcuni giorni di condizioni di traffico intenso al fine di fluidificare il transito dei veicoli lungo questo tratto di autostrada. Durante questi primi test, il limite di velocità per i veicoli leggeri è stato abbassato da 130 km/h a 110 km/h prima che si verificassero situazioni di incolonnamento, al fine di verificare se questo tipo di accorgimento è in grado di aumentare la stabilità delle condizioni di traffico e ridurre l’entità e la durata dei fenomeni di incolonnamento.

Simili attività sperimentali verranno ripetute con maggiore frequenza durante il periodo estivo, soprattutto durante i fine settimana in cui i flussi turistici di transito sono massimi. Nelle giornate di maggiore esodo, si sperimenterà una riduzione dei limiti di velocità fino a 90 km/h ed in alcuni casi limitati verrà anche utilizzata temporaneamente la corsia di emergenza come corsia aggiuntiva di marcia. Queste sperimentazioni proseguiranno durante tutto il 2017, con un’ulteriore intensificazione dei test durante il periodo natalizio, e durante i primi mesi del 2018. I risultati ottenuti verranno utilizzati per calibrare la seconda fase di test che inizierà indicativamente a marzo 2018.

La seconda sperimentazione riguarda un tratto di circa 12 km tra i caselli di Egna / Ora  e S.Michele, in entrambe le carreggiate. I primi test hanno voluto testare l’abbassamento dei limiti di velocità prima a 110 km/h e poi a 100 km/h. A differenza della sperimentazione nel tratto trentino, l’abbassamento dei limiti di velocità in questo caso non è legato alle condizioni di traffico, ma è funzionale alla verifica sulla qualità dell’aria vicino all’autostrada.

In questo tratto, da maggio 2017 ad aprile 2018 il limite di 100 km/h verrà alternato dinamicamente al limite corrente di 130 km/h secondo un calendario predefinito ma che verrà attualizzato in corso d’opera in funzione dei risultati ottenuti. L’obiettivo è quello di raccogliere dati per un numero di ore statisticamente sufficiente durante un intero anno solare: questo per poter ottenere delle primi indicazioni oggettive e quantitative dei possibili benefici ambientali nei diversi periodi dell’anno ottenibili grazie a questo tipo di azione. La durata di ciascuna sessione di test potrà essere variabile, ed indicativamente potrà durare dalle otto alle ventiquattro ore consecutive. I risultati ottenuti in questa prima fase verranno utilizzati per organizzare al meglio le attività sperimentali previste nelle fasi successive, e soprattutto per cominciare a capire come gestire l’attivazione di questo tipo di misura in funzione delle condizioni attuali e previste di qualità dell’aria.